Teatro

Tenco a tempo di tango

Tenco a tempo di tango

Diretto da Gigi Dall'Aglio. Musiche originali e arrangiamenti di Alessandro Nidi. Uno spettacolo di Giorgio Ugozzoli.

Carlo Lucarelli, Mascia Foschi e Adolfo Margiotta
2006 - Fandango libri

Con le canzoni dello spettacolo teatrale di Giorgio Ugozzoli, interpretate da Mascia Foschi.Come la cantò quella volta sembrava quasi un addio. Come la canta Angela adesso sembra un invito. “C’era un poliziotto in una serie di romanzi gialli degli anni Trenta, che diceva una cosa, diceva in un mistero, forse, non è così importante scoprire chi è l’assassino, in un giallo, in un vero giallo, il mistero più importante è sempre lo stesso: quello del cuore umano. Nel dicembre del 1965, poco più di un anno prima di essere ritrovato nella stanza 219 dell’Hotel Savoy di Sanremo ucciso da un colpo di pistola alla testa, Luigi Tenco era andato in Argentina, dove rimase dieci giorni. Cosa ha lasciato, laggiù, in quel viaggio. Cosa si è portato dietro. Cosa si è portato dentro. Il 27 gennaio 1967, dopo che la sua canzone è stata eliminata dal Festival di Sanremo, Luigi Tenco si chiude in quella camera d’albergo e si spara. Per qualcuno c’è qualcosa di poco chiaro in quel suicidio, per altri non è neanche un suicidio, ma questo adesso non ci interessa, questa è un’altra storia. A noi, adesso, interessa un altro mistero. Il mistero del cuore umano.” Il mistero che Carlo Lucarelli racconta ha per protagonista un ispettore della polizia di Sanremo, che subito dopo il suicidio di Tenco viene incaricato d’investigare sul viaggio del cantante a Buenos Aires. Nelle sue ricerche si imbatte in una locanda, “El Viejo Almacen”, dove tutte le sere una piccola orchestra suona le canzoni di Tenco a ritmo di tango. Conosce Angela, la cantante del locale, e da lei si lascia guidare alla scoperta del mistero del cantautore, che “sta tutto nella sua musica, nelle sue canzoni”. Intanto l’atmosfera argentina comincia a turbare il suo animo... Una storia sottile, sensuale, malinconica, uno spettacolo teatrale di Giorgio Ugozzoli, con la regia di Gigi Dall’Aglio, le musiche di Alessandro Nidi, interpretato da Mascia Foschi e Adolfo Margiotta. Il CD: 1. Ho capito che ti amo Daniel Pacitti (bandoneón) Alessandro Nidi (pianoforte) Giuliano Nidi (contrabasso) 2 Ah l’amore l’amore David Pecetto (bandone ón ) Alejandro Aguilera (pianoforte) Martin Bruhn (percussioni) Carlos “Tero” Buschini (contrabasso) 3 Angela Alessandro Nidi (pianoforte) Paolo Schianchi (chitarre) Samuel “Sam” Marlieri (percussioni) Giuliano Nidi (contrabasso) Pablo Mainetti (bandoneón) Marianna Storelli (fisarmonica) 4 Io sì Daniel Pacitti (bandoneón) Alessandro Nidi (pianoforte) Giuliano Nidi (contrabasso) 5 Mi sono innamorato di te David Pecetto (bandoneón) Alejandro Aguilera (pianoforte) Martin Bruhn (percussioni) Carlos “Tero” Buschini (contrabasso) 6 Ciao amore ciao David Pecetto (bandoneón) Alejandro Aguilera (pianoforte) Martin Bruhn (percussioni) Carlos “Tero” Buschini (contrabasso) Samuel “Sam” Marlieri (sax) 7 Vedrai vedrai – Malena Alessandro Nidi (pianoforte) Massimiliano Pitocco (bandoneón) 8 Cafetín de Buenos Aires Alessandro Nidi (pianoforte) Samuel “Sam” Marlieri (percussioni) Giuliano Nidi (contrabasso) Massimiliano Pitocco (bandoneón) 9 In qualche parte del mondo Alessandro Nidi (pianoforte) Samuel “Sam” Marlieri (percussioni) Giuliano Nidi (contrabasso) Massimiliano Pitocco (bandoneón) 10 Un giorno dopo l’altro Adolfo Margiotta (voce) Alessandro Nidi (pianoforte) Samuel “Sam” Marlieri (percussioni) Giuliano Nidi (contrabasso) Massimiliano Pitocco (bandoneón) Malena, parole di Homero Manzi, musica di Lucio Demare, Cafetín de Buenos Aires, parole di Enrique Santos Discépolo, musica di Mariano Mores; per tutti gli altri brani, parole e musica di Luigi Tenco.

www.fandango.it